Cupido e le frecce dolciamare

Ciò che chiamiamo amore
trascende il cielo e la terra,
gli antichi lo sapevano
e lo chiamavano immortale,
celebravano il suo bacio
con gocce di rugiada,
mano nella mano volavano
sulle sue ali,
sempre più in alto
fino a sentirsi
parte dell’immensità.
Pochissimi conoscono
il suo vero volto,
sono fortunati costoro che
sottovoce raccontano,
delle sue pungenti
e bugiarde
frecce dociamare
che colpiscono gli occhi
impedendo di vedere,
che colpiscono le orecchie
impedendo di sentire,
che colpiscono le parole
impedendo di parlare,
perché questo fa l’amore
ti ruba il cuore
e in cambio sparge
petali di rosa
così rossi
da formare un cerchio d’amore.
Oh Eros, conosco quello sguardo
anche io l’ho provato,
sostiene l’universo
in equilibrio su un raggio di sole,
la luna e stelle sono i tuoi occhi
Fanciullo alato,
nato dalla notte proibita,
armato d’arco di infallibili dardi
scagliate contro uomini e dei,
infiammano di passione
le tue frecce dolciamare,
sconvolgono i sensi e le menti
permettendo agli innamorati
di valicare il confino,
perché l’amore, si sa,
è il seme,
il fiore
e la fragranza.

Neriene

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...